Installare gentoo da stage 3 senza rete
--------------------------------------
Benvenuti a questa "quida veloce"(che poi sarebbe una versione "romanzata" degli appunti che ho preso prima di installarla :-)) su come installare Gentoo Linux 2005.1(my favorite distro) dallo stages 3 senza rete, ovvero con un sistema base già compilato per il nostro processore e con tutto quel che serve(in teoria) nel CD live e nel package CD. Premetto che gentoo NON ha un tool di installazione(ho sentito dire che ne esiste uno in sperimentazione che trovate nei miror di gentoo.org, ammetto di non averlo mai provato), cmq noi useremo il cd bootabile del 2005.1(quello universal da 700 mega) e il cd dei pacchetti(package-cd o simile), per prima cosa prendete le iso e fate i CD(io ho usato Nero), impostate il BIOS per settare il cd come primo a bottare e si parte; inoltre si da per scontato che le partizioni sono state create già precedentemente(sennò, dovete usare fdisk) e che l'utente sappia quallo che fa, insomma, gentoo non è una distro da installare senza aver mai visto una shell unix-like per un pò di tempo.

Appena avviato potremo scegliere che kernel dovrà usare il CD e che opzioni passargli, il kernel che ho usato io è stato quello di default visto che non ho cose strane da fargli supportare, quindi digito gentoo e premo invio(o subito invio):

boot: gentoo [INVIO]

Appena vedete sotto "press Alt+F1 per la text mode" o qualcosa di simile premete la combinazione e avrete una console molto accattivante come colori e grafica.

Appena vi verrà chiesto dovrete selezionare che layout della tastiera usare, nel mio caso italiano quindi inserite it e invio:

A questo punto si vedrà che kernel e coldplug rileveranno l'hw, a me ha trovato tutto tranne modem(fastrate, è normale che non lo becchi) appena vedere "premi F1.." premete F1 e sarete nuovamente alla console e dopo l'output del rilevamento si inizia con l'installazione.
Se non sapete che nomi ha dato linux alle partizioni date il comando:

fdisk /dev/hda

a questo punto come vi chiederà di premere m per help o altri comandi, voi date 'p'

a questo punto vedrete le partizioni su hda nel mio caso:

hda1 = windows
hda5 = swap
hda6 = linux

e userà queste come esempio(voi mettete quello vostro naturalmente)

adesso si passa alla formattazione dei dischi interessati(swap e linux in questo caso),  per linux io come file system uso ext3, perchè il kernel che ho messo dopo li supporta già(gli ext), se metto altro devo aggiungerli, se non volete aggiungere neanche voi, consiglio un ext3.

Formattare la partizione della partizione di root in ext3(che altro non è che un ext2 + journaling) dando:

mke2fs -j /dev/hda6

A questo punto formattate lo swap con:

mkswap /dev/hda5

e attivatela con

swapon /dev/hda5

adesso mondate il disco di root:

mount -t ext3 /dev/hda6 /mnt/gentoo

Adesso consiglio di controllare con date la data, se errata correggere in formato MMDDhhmmCCYY ( dove M è il mese, D è il giorno, h l'ora, m il monuto, C il secolo e Y l'anno. Molto probabilmente sarà giusta, ma se vi tenete la data sbagliata dovrete sistemare dopo.

Adesso dovete estrarre lo stage3 per il vostro processore, io ho un pentium3 quindi presente nel CD, se avete altri processori guardate in /mnt/cdrom/stages con un ls e vedete se c'è il vostro, se non c'è lo trivate nelle reti p2p(don't worry, è legale scaricare uno stages ;- ) sennò rinunciate alla sotto architettura e prendete x86 generico, pentium generico, amd generico ecc... però si perde in ottimizzazione(per il massimo bisognerebbe partire dallo stages 1, ma non ho ancora provato).

Quindi per estrerre il vostro stage entrare in /mnt/gentoo ed estraetelo:

tar -xvjpf /mnt/cdrom/stages/stage3-pentium3-2005.1.tar.bz2

Dopo qualche minuto avrete in /mnt/gentoo una struttura base di un sistema linux, ora è il momento di installare lo snapshot _Portage_ ovvero il sistema di gestione dei pacchetti in gentoo, assomiglia molto ai ports dei *bsd, si basa sui sorgenti quindi è più lento di un yum o apt-get per installare, ma si guadagna in prestazioni dopo. Quello che installiamo ora potremmo paragonarlo al repository di apt-get.

Date:

tar -xvjf /mnt/cdrom/snapshots/portage-2005.1.tar.bz2 -C /mnt/gentoo/usr

Visto che questa installazione non usa la rete, copieremo alcuni sorgenti per poter installare programmi base(es. lilo o grub).

mkdir /mnt/gentoo/usr/portage/distfiles
cp /mnt/cdrom/distfiles/* /mnt/gentoo/usr/portage/distfiles/

A questo punto montiamo il FS proc nell''ambiente che stiamo installando, quindi diamo:

mount -t proc none /mnt/gentoo/proc

E infine passiamo nel nostro nuovo ambiente e aggiorniamo alcune variabili di ambiente:

chroot /mnt/gentoo /bin/bash
env-update
source /etc/profile

Ecco, ora sei in gentoo :-))

Prima di proseguire con il kernel impostate la vostra time zone a GTM o quella che vi serve, le timezone disponibili le ottenete con

ls /usr/share/zoneinfo

Quindi la impostate con un link simbolico:

ln -sf /usr/share/zoneinfo/GMT /etc/localtime

Ed ora è il momento di passare all'installazione del Kernell :yuppy: ;-)

Prendiamo i sorgenti di gentoo(o i vanilla-sources... consiglio quelli di gentoo)

emerge gentoo-sources

Il kernel scaricato da me è: linux-2.6.12-gentoo-r6

E controllate se c'è il famoso link "linux" in /usr/src

ls -l /usr/src/linux
lrwxrwxrwx    1 root     root           9 Sep 13 16:04 /usr/src/linux -> linux-2.6.12-gentoo-r6

se non vi da una cosa come quella o non coincide con il kernel scaricato dovete crearlo voi

rm /usr/src/linux
cd /usr/src
ln -s linux-2.6.12-gentoo-r6 linux

Adesso per compilare il kernel io ho usato lo script genkernel, che automatizza la sua compilazione e gli fa supportare gran parte delle cose, questo comporta che la compilazione sarà relativamente lunga:

emerge genkernel

Adesso copiate la configurazione con:

zcat /proc/config.gz > /usr/share/genkernel/x86/kernel-config-2.6

e fate partire la compilazione con:

genkernel all

[DOPO "UN PO" DI TEMPO...]

Adesso avete installato kernel, il System.map e initrc; per sapere che nomi hanno date un:

ls /boot

Nel mio caso i nomi erano un po complicati da ricordare, quindi con mv li ho rinominati volgarmente in:

map
initrd
vmLinux

Prima di passare alla installazione/configurazione del bootloader configurate a dovere il file /etc/fstab
Non dovrete riscriverlo da 0, ma riprodurre la vostra situazione, se c'è qualche linea che non sapete che fa lasciate stare; cmq se avete scelto gentoo si da per scontato che sapete sistemare tutto:
Vi faccio vedere un esempio:

/dev/hda6            /              defaults, noatime        1 2
/dev/hda5         none           sw                             0 0
proc                /proc           defaults                      0 0
/dev/cdrom     /mnt/cdrom   noauto                        0 0  
/dev/fd0         /mnt/floppy    noauto                         0 0

A questo punto impostate la vostra password di root:

passwd
inserisci pass
conferma pass

Adesso procederemo con la configurazione del bootloader, sarebbe meglio mettere grub ma visto che non lo conosco abbastanza bene io ho messo lilo e in questa guida vi farò vedere come preparare lui:

Pe prima cosa scarichiamo lilo

emerge -k lilo

dopo che l'installazione termina configurate lilo.conf, se non avete dimestichezza per scrivere da 0 un lilo.conf modificate il lilo.conf.example

Cmq ecco un esempio di lillo.conf

nano -w /etc/lilo.conf

############
boot=/dev/hda             # Installa LILO nel MBR
prompt                    # Dà possibilità di selezionare un'altra sezione
timeout=50                  # Aspetta 5 secondi prima di avviare il default
default=windows            # Passato il timeout, avvia la sezione "gentoo"

map= /boot/map

image=/boot/vmLinux
  label=gentoo
  read-only
  root=/dev/hda6
  initrd=/boot/initrd

# Se hai windows per il dualboot scrivi(se win è in hda1):
other=/dev/hda1
  label=windows
#############

Salva con
/sbin/lilo

Sottolineo che la configurazione di lilo dipende da come avete sistemato il vostro sistema, quindi dovrete agire di conseguenza.

Adesso aggiungiamo un secondo utente:

useradd Utente -m -G users,wheel,audio -s /bin/bash
passwd Utente
Password:la password per Utente
Re-enter password: conferma la password per verificare

Fatto questo settate la tastiera italiana per la console che userete dopo il riavvio modificando il file /etc/rc.conf
aggiungendo la variabile

KEYMAP="it"

A questo punti potete riavviare:

exit
cdimage ~# cd
cdimage ~# umount /mnt/gentoo
cdimage ~# reboot

Al momento avete solo la console e i programmi base, ci saranno altri tutorial su come mettere xorg, fluxbox, alsa e altri programmi/drivers fino a quando non si avrà un sistema più completo e sarà qui che entrerà in gioco il CD dei package.

Disponibile su forum o via email.