Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per mostrare pubblicità e servizi in linea con il tuo account. Leggi l'informativa sui cookies.
Username: Password: oppure
Guida al Visual Basic .NET - Checkbox e RadioButton

Guida al Visual Basic .NET

Capitolo 58° - Checkbox e RadioButton

<< Precedente Prossimo >>

Mentre ListBox e ComboBox miravano a rendere visuale un insieme di elementi, questi due controlli rappresentano una valore Booleano: infatti possono essere spuntati oppure no.

CheckBox

La CheckBox è la classica casella di spunta, che si può segnare con un segno di spunta (tick). Le proprietà caratteristiche sono poche:

  • Appearance : proprietà enumerata che determina come la checkbox viene visualizzata. Il primo valore, Normal, specifica che deve esserci una casellina di spunta con il testo a fianco; il secondo valore, Button, specifica che deve essere renderizzata come un controllo Button. In questo secondo caso, se Checked è True il pulsante appare premuto, altrimenti no
  • AutoCheck : determina se la checkbox cambia automaticamente stato (ossia da spuntata a non spuntata) quando viene cliccata. Se questa proprietà è False, l'unico modo per cambiare la spunta è tramite codice
  • AutoEllipsis : se Appearance = Button, questa proprietà determina se il controllo si debba automaticamente ridimensionare sulla base del proprio testo
  • CheckAlign : se Appearance = Normal, determina in quale posizione della checkbox si trovi la casellina di spunta
  • Checked : indica se la checkbox è spuntata oppure no
  • CheckState : per le checkbox a tre stati, indica lo stato corrente
  • FlatStyle : determina lo stile visuale del testo attraverso un enumeratore a quattro valori, come nelle combobox
  • TextAlign : allineamento del testo
  • TextImageRelation : determina la relazione testo-immagine, qualora la proprietà Image sia impostata. Può assumere diversi valori che specificano se il testo sia sotto, sopra, a destra o a sinistra dell'immagine
  • ThreeState : determina se la checkbox supporta i tre stati. In questo caso, le combinazioni possibili sono tre, ossia: spuntato, senza spunta e indeterminato. Può essere utile per offrire una gamma di scelta più ampia o per implementare visualmente la logica booleana a tre valori

Ecco un esempio di tutte le possibili combinazioni di checkbox:

CheckBox.jpg
In definitiva, la CheckBox rende visuale il legame Or tra più condizioni.

RadioButton

A differenza di CheckBox, RadioButton può assumere solo due valori, che non sono sempre accessibili. La spiegazione di questo sta nel fatto che solo un RadioButton può essere spuntato allo stesso tempo in un dato contenitore. Ad esempio, in una finestra che contenga tre di questi controlli, spuntando il primo, il secondo ed il terzo saranno depennati; spuntando il secondo lo saranno il primo ed il terzo e così via. Tale meccanismo è del tutto automatico e aiuta moltissimo nel caso si debbano proporre all'utente scelte non sovrapponibili.
Gode di tutte le proprietà di CheckBox, tranne ovviamente ThreeState e CheckState, e rappresenta visualmente il legame Xor tra più condizioni.

GroupBox

Parlando di contenitori, non si può non fare menzione al GroupBox. Tra tutti i contenitori disponibili, GroupBox è il più semplice dotato di interfaccia grafica propria. La sua funzione consiste unicamente nel raggruppare in uno spazio solo più controlli uniti da un qualche legame logico, ad esempio tutti quelli inerenti alla formattazione del testo. Oltre a rendere la struttura della finestra più ordinata, dà un tocco di stile all'applicazione e, cosa più importante, può condizionare lo stato di tutti i suoi membri (o controlli figli). Dato che gode solamente delle proprietà comuni a tutte le classi derivate da Control, la modifica di una di esse si ripercuoterà su tutti i controlli in esso contenuti. Di solito si sfrutta questa peculiarità per disabilitare o rendere invisibile un gruppo di elementi.

<< Precedente Prossimo >>
A proposito dell'autore

Programmatore e analista .NET 2005/2008/2010 (in particolare C# e VB.NET), anche nell'implementazione Mono per Linux. Conoscenze approfondite di Pascal, PHP, XML, HTML 4.01/5, CSS 2.1/3, Javascript (e jQuery). Conoscenze buone di C, LUA, GML, Ruby, XNA, AJAX e Assembly 68000. Competenze basilari di C++, SQL, Hlsl, Java.