Questo sito utilizza cookies, anche di terze parti, per mostrare pubblicità e servizi in linea con il tuo account. Leggi l'informativa sui cookies.
Username: Password: oppure
La seconda bolla del Nasdaq
PieroTofy.it Blog Blog sulla programmazione

20 Maggio 2011

  La seconda bolla del Nasdaq

Immagine La seconda bolla del Nasdaq

Quando esploderà non saprei dirlo, 2-3 anni forse, ma chiunque con un buon senso penso possa annusare la pazzia e l'irrazionalità di quello che sta succedendo nel mercato di queste nuove startup IT.

Comincio con LinkedIn, che dopo essere entrata in borsa il valore delle azioni è saltato da $33 a $100. LinkedIn nel 2010 ha prodotto circa 100 milioni di dollari in utile e gli investitori la trattano come una compagnia da 9 miliardi. Gli investitori stanno puntando 14 volte il valore degli utili futuri! http://www.theatlantic.com/business/archive/2011/05/linkedin-has-the-highest-price-revenue-ratio-of-any-stock-anywhere/239176/

Facebook dal suo canto ha ricevuto pesanti investimenti dalla finanziaria Goldman Sachs dopo che la medesima ha valutato il network 50 miliardi di dollari (O_O). Questo è valutare un'azienda 25 volte il valore degli utili futuri. Conoscendo poi la reputazione della Goldman Sachs (che è stata una delle principali aziende che ha contribuito alla bolla immobiliare tanto per citare la più recente). Tanto per citare delle valutazioni sensate, Google ed Apple hanno azioni valutate sotto il 7 e il 4.5 degli utili futuri. http://www.huffingtonpost.com/ben-cohen/be-warned-the-facebook-bu_b_811227.html

Twitter poi, valutata 7 miliardi, un'azienda che non ha profitti (deve ancora capire ed inventarsi un metodo per farsi pagare). http://money.cnn.com/2011/05/20/technology/linkedin_facebook_ipo/?section=money_latest

Il mercato delle apps va a braccetto con quello dei social. Guardavo un po' questa app: http://www.color.com/ che ha ricevuto $41 milioni in investimenti e che ha sborsato quasi mezzo milione per comprarsi il dominio color.com e colour.com. Angry Birds (che è veramente un app di successo) da sola ha fatto $70 milioni di vendite, ma è anche l'app classificata come la più venduta nella storia. Avete dato un'occhiata a quest'app? E' terribile!

Opinionaided è un'app che chiede agli utenti di esprimere opinioni su un argomento e permette agli utenti di mettere online nuovi argumenti. http://www.opinionaided.com/ ha preso $1 milione di dollari in fondi da società di venture capital. Trovo sia una bella app e una bella idea, ma $1 milione di dollari?

Postato da Piero Tofy alle 18:13 | Commenti ( 2 )

Aggiungi un commento

Inserisci il tuo commento qui
Esegui il login oppure registrati per inviare commenti
  • giusto per aggiungere visioni diverse... http://daily.wired.it/news/economia/2011/05/27/bolla-del-w ...
  • Oddio..Tanta roba ma provo ad aggiungere un po' di elementi..
    Allora, che si stia formando una bolla e' opinione di molti, l'Economist ci ha fatto un numero a riguardo, ma si vede soprattutto su quanto le venture capitalist stanno investendo in California...(sul WSJ c'era un articolo 2 sett fa a riguardo con anche qualche cifra, ma non ce l'ho sotto mano..)

    Tuttavia ci sono diverse aziende non accumulabili.. Per esempio,Fb e' stato valutato 50 miliardi semplicemente pensado che ogni utente registrato "vale" 100 dollari..stima non sparata a caso, se si pensa a quanto un utente stia su fb in termini di tempo, quindi a quanta pubblicita' visualizzi al giorno...
    E questo discorso puo' valere per sia per Twitter e in misura minore per LinkedIn...Pero' oltre a queste il resto e' a scendere..(Il fatto che non creino al momento molti profitti non viene visto come un problema..)
    Da aggiungere inoltre che i venture capitalist in questi settori devono sovra-alimentare il mercato, poiche' utilizzano una logica del tipo "investo in 100, mi ripago semplicemente col successo di 1"

    In termini piu' filosofici/econimici, il mondo "capitalista" va avanti oscillando tra bolle econimiche e guerre.. opinione che si puo' trovare anche in Wall Street 2, ma questo e' un altro discorso... (si ok, non e' cosi tragica la cosa, ma come idea generale rende..)