Username: Password: oppure
Pregi e difetti della televisione
PieroTofy.it Blog Blog sulla programmazione

10 Novembre 2007

  Pregi e difetti della televisione

L'invenzione della televisione, ossia la diffusione di immagini, parole e fatti che ci vengono proposti da tutte le distanze del mondo, hanno inciso sulla vita delle persone in maniera notevole. In Italia le prime trasmissioni televisive vennero effettuate nel 1954, rivoluzionando le abitudini delle persone. Inizialmente venivano trasmessi solo pochi (ma buoni) programmi, oggi invece esistono centinaia di canali che trattano ogni singolo argomento. La televisione ha senza alcun dubbio numerosi pregi, tuttavia io ritengo che nella maggior parte dei casi non offre programmi istruttivi ed educativi.
Molte volte propone modelli sbagliati, inducendo i giovani ad assumere atteggiamenti e comportamenti scorretti. Purtroppo negli ultimi anni questi tipi di programmi tendono ad aumentare, e mi riferisco in particolar modo ai reality show, ovvero quei programmi in cui non partecipano solo attori ma anche gente “comune”. Non hanno nessun fine positivo, anzi, sono ricorrenti scene volgari, ed espressioni che non dovrebbero essere mandate in onda.
La televisione, origina confusione fra la realtà e l'invenzione. Capita molto spesso infatti che  i giovani, e talvolta anche gli adulti, imitano atteggiamenti visti in un film.
La pubblicità contribuisce ad aumentare i problemi legati agli aspetti negativi. Non è molto difficile imbattersi in pubblicità che ci inducono a comprare oggetti di cui non ne abbiamo alcun bisogno.
Numerosi sono anche gli aspetti positivi. Il più importante è che rende accessibile a tutti la conoscenza di fatti ed eventi, come ad esempio il telegiornale, che ci informa su tutto ciò che accade nel mondo, anche notizie e approfondimenti su argomenti generali o di epoche passate.
A volte è anche un ottimo strumento che diverte, rilassandoci dopo una giornata faticosa.
Infine serve a diffondere l'uso di una lingua comune che a quanto pare non è l'italiano bensì l'inglese.
Ritengo che la televisione sia un mezzo che pur avendo rivoluzionato il nostro modo di vivere, non venga tuttavia utilizzata nei migliori dei modi. Nonostante vi sono programmi istruttivi ed educativi come ad esempio i documentari e i telegiornali, prevalgono i tipi di programmi “spazzatura”, quelli che non contribuiscono a rendere questo ottimo strumento per divulgare le informazioni, migliore.

Postato da Roberto VB alle 16:42 | Commenti ( 7 )

Aggiungi un commento

Inserisci il tuo commento qui
Esegui il login oppure registrati per inviare commenti
  • Non sempre i genitori dicono ai figli "non credere alla pubblicità, i telefilm non presentano sempre modelli giusti ecc.. ecc..", o perchè non ci fanno nemmeno caso, o perché sono troppo occupati o perché anche loro seguono i modelli sbagliati che la tv propone!
  • quoto albertking82, e quel discorso sui bambini che non sono strutturati per filtrare le informazioni è un esempio calzante, perchè  credo che la società di oggi (generalizzando questo) non prepara secondo me abbastanza le giovani menti, cioè sicuramente i genitori di un bambino gli diranno "non credere alla pubblicità, i telefilm non presentano sempre modelli giusti ecc.. ecc.." ma secondo me l'impatto che ha la TV è purtroppo più influenzante e quindi spesso si creano o persone senza personalità come hai detto che seguono "il gregge" o con una personalità deformata da falsi valori trasmessi dai produttori solo, appunto, per arricchirsi.

    Mi hanno raccontato che appena uscita la TV c'era il programma "non è mai troppo tardi", dove un professore spiegava a leggere e scrivere ai bambini o a chi aveva analfabetizzazione regressa.

    Poi certo guardare certe cose con occhio vigile per puro divertimento pensando proprio "ma che cagate!" può essere anche divertente, chessò, anche Emilio Fede è da sbellicarsi certe volte lol
  • Secondo me uno strumento elettronico può essere dannoso solo se si fa un uso spropositato di esso.Una persona di media intelligenza dovrebbe riuscire a filtrare i messaggi nel giusto modo e ordine d'importanza(esclusi i bambini che ovviamente non sono ancora strutturati per il giusto filtraggio).Ricordatevi che se esistono i programmi come i reality show vuol dire che i produttori guadagno di più con quel tipo di programma.L'indice di ascolto fa legge nel mercato
    televisivo ed il produttore propone il programma che riceve più consensi.La cosa che mi chiedo io è questa : Perchè io sono sempre affamato di sapere,  mi sento sempre un ignorante e quello che so non mi sembra mai sufficiente ed invece la massa preferisce restare ignorante e non vuole apprendere per migliorarsi?Con massa intendo al quell'esercito di cloni che non hanno una personalità e che fanno quello che fanno gli altri ,ma non per volere proprio ma solo per farsi accettare.
  • Certo se internet fosse gratuito come i canali mediaset (certo avremmo più pop-up e berlusconi) . . .
    Va poi fatto notare che la rete è uno strumento di diffusione di informazioni molto diverso dalla televisione (o la musica come strumento di ribellione della generazione che ci ha preceduto) in quanto non può essere controllato, è bidirezionale. Ognuno lo può usare per diffondere le proprie idee e parlare col mondo.
    In quanto ai telegiornali :
    1. Gli argomenti sono tutti spazzatura e rientrano in 3 categorie : tragedie, sesso, e divi (vuoti come i ruoli che ricoprono)
    2. Le generazioni che ci hanno preceduto hanno fatto rivoluzioni per ottenere la libertà di informazione prima di tutti (e anche per questo il punto 1 vaq considerato una vergogna) per evitare le dittature, ma non potevano prevedere quanto questo tentativo fosse completamente inutile in quanto così hanno dato in mano ai mass media tutti i poteri di un dittatore con il favore della legge, ma li avete mai guardati bene ? Ci dicono cosa fare ! Avete mai sentito (proprio da loro peraltro) di ragazzi "secchioni" suicidati perchè non si adattavano agli schemi dei propri coetanei. Non hanno bisogno di eserciti ne campi in siberia per fermare "gli elementi pensanti". La gente da la colpa di questi eventi ad altri programmi classificati come negativi come Southpark, forse proprio perchè diffondono il senso di ribellione nel confronto dei mezzi di informazione. Sembrera esagerato, ma va detto.
  • anche i telegiornali e altri talck show rientrano nella spazzatura, quando ci sono vere notizie che chi gira su internet già legge si ritrova poi Vespa che fa il miliardesimo speciale sulla Franzoni, o 70 enni che parlano di internet o il solito dibattito fra due politici incentrato su finti problemi.

    La televisione ha il difetto di essere un canale unico, anche se cambi quelli che arriva passa attraverso un sacco di intermediari, ed è tutto incentrato sulla pubblicità, un programma può fare schifo che se fa share va bene lo stesso.

    Come intrattenimento certo qualche film o telefilm (specialmente esteri) sono divertenti e alcuni anche forme d'arte se ben riusciti, altri solite schifezze commerciali per indottrinare il pubblico e fargli vedere la pubblicità o influenzare il comportamento dei giovani sotto finanziamento di chi ne trae interesse (chessò, inculcare la mentalità della moda e di dover spendere folline in telefilm guardati da ragazzine di 13 anni).

    A mio avviso nulla che sia in TV non può essere trasmesso anche via canali diversi come internet, il pregio della TV è essere diffuso come mezzo, ma il fatto di trasmettere al 90% schifezze senza controbattere vuol dire che al ha il pregio di diffondere al 90% della gente il 90% dei suoi contenuti sotto forma di schifezze.

    Certo in passato non era così era più "pura", ora a mio avviso la TV va bene giusto per passare il tempo, non è accrescere la propria conoscienza del presente guardare vecchietti discutere o farsi rimpilzare da telegiornali truccati o altre cose, questo andava bene decenni fa.

    Se la banda larga fosse diffusa quanto la TV la TV morirebbe, certo un vantaggio discreto è la possibilità di condividere eventi collettivi, chessò guardare un film con gli amici o la famiglia o le partite di calcio, con un PC la cosa è meno sociale.. forse ma se internet fosse più spronato verrebbero le idee per aggiungere tutto quello che manca
  • netarrow,impara a scrivere ''talk show'' per favore dai.
  • ops!